La storia del campo di concentramento di Mauthausen

La storia del campo di concentramento di Mauthausen

Anteprima Scarica anteprima
Mauthausen, per molti deportati, è stato sinonimo di morte. Delle circa 200.000 persone condotte nel lager austriaco, o in uno dei suoi 49 campi esterni, soltanto la metà ha potuto assistere alla liberazione avvenuta il 5 maggio 1945. Per tenere in moto questa gigantesca macchina di morte, i nazisti pianificarono un sistema logistico estremamente articolato e organizzato, gestito da ditte esterne, ma anche da criminali comuni e profittatori. Dopo anni di assenza dalle librerie, torna l’opera principale sulla storia del campo di concentramento di Mauthausen firmata da Hans Maršálek, prigioniero nel campo dal 1942 al 1944. Un lavoro che ha gettato i presupposti per tutti gli studi e le ricerche successive sul tema, e che rappresenta un importante contributo sul piano della conoscenza storica per non dimenticare quanto avvenuto nell’abisso della violenza dei lager.

Dettagli libro

  • Editore

  • Testo originale

  • Lingua

    Italiano
  • Data di pubblicazione

  • Numero di pagine

    432
  • Collana

Sull'autore

Hans Maršálek

Hans Maršálek (Vienna, 1914-2011) è stato un esponente di spicco della Resistenza antinazista austriaca. Arrestato nel 1941 dai nazionalsocialisti, dopo un anno di prigionia nelle carceri della Gestapo e in altri luoghi di detenzione venne deportato nel campo di concentramento di Mauthausen, dove fondò il Comité International de Mauthausen, organizzazione clandestina di resistenza attiva. Dopo la guerra, creò l’archivio di Mauthausen e il museo nel Memoriale del KZ, di cui per anni è stato anche direttore.

Ti potrebbe interessare