Il Montecristo comunista

Il Montecristo comunista

Anteprima Scarica anteprima
Luglio 1919. Sanyi, macellaio vegetariano e simpatizzante del Partito Comunista ungherese, parte per Vienna con una missione segreta. Nelle sue mani c’è il destino della rivoluzione proletaria: venti chili d’oro in una valigia di cartone. Ma proprio in quei giorni la Repubblica dei Consigli fallisce e Sanyi finisce nell’illegalità. Comincia così una vorticosa tragicommedia fatta di travestimenti e doppie identità. Sanyi riesce a costruirsi un’identità borghese e, in gran segreto, a partecipare all’attività clandestina di una cellula del movimento operaio. Nella girandola di regimi che si alternano in Ungheria, l’uomo rimane in qualche modo sempre a galla, fino al fatidico ottobre 1956 e alla repressione dell’insurrezione anti-sovietica da parte dell’esercito. Basata su un’elaborata ricerca storica, la satira di Noémi Szécsi – che parla il linguaggio demagogico del tempo – ribalta gli elementi del Montecristo francese: Sanyi non è il protagonista di una storia sulla vendetta, ma di un intelligente romanzo sulla stupidità del potere.

Dettagli libro

Sull'autore

Noémi Szécsi

Noémi Szécsi è nata nel 1976 a Szertés, Ungheria. Laureatasi a Budapest in inglese e finlandese, ha scritto il suo romanzo d’esordio, Finnugor vampir (2002, pubblicato in Italia con il titolo La vampira snob), mentre studiava antropologia culturale a Helsinki, convincendo da subito pubblico e critica. Il suo secondo romanzo, Kommunista Monte Cristo (2006), ha ricevuto nel 2009 il Premio letterario dell’Unione europea. Voce di rilievo della narrativa ungherese contemporanea, Noémi Szécsi ha all’attivo diversi altri romanzi e volumi di non-fiction.

Ti potrebbe interessare