Dal segno all’immagine Saggio su Gilles Deleuze

Dal segno all’immagine

Saggio su Gilles Deleuze

Anteprima Scarica anteprima
Nella sua lotta contro “l’immagine del pensiero” in filosofia, ovvero contro il presupposto impensato di cosa significhi pensare, Gilles Deleuze trova nell’arte un’alleata formidabile. La forma dell’arte è infatti quella dell’espressione, non del discorso: letteratura, pittura e cinema possiedono un’inesausta capacità di produrre segni e immagini che esulano da qualunque sintassi predefinita. La destrutturazione del discorso logico operata dall’arte mette in campo anche una diversa concezione della temporalità, che non è più riducibile al paradigma della successione. Dal segno all’immagine ripercorre questa traiettoria nel pensiero di Deleuze, a partire da Marcel Proust e i segni per arrivare alle sue due monografie sul cinema, in cui l’autore francese sviluppa, in tutta la sua portata, l’idea di un’immagine-tempo come “potenza del falso”.

Dettagli libro

  • Editore

  • Testo originale

  • Lingua

    Italiano
  • Data di pubblicazione

  • Collana

Sull'autore

Damiano Cantone

Damiano Cantone ha insegnato Estetica all’Università degli Studi di Trieste. I suoi interessi di ricerca vertono sui rapporti fra cinema e filosofia, con particolare attenzione al lavoro di Gilles Deleuze. Tra le sue pubblicazioni ricordiamo I film pensano da soli (2012) e Suspense! (con P. Tomaselli, 2016).

Ti potrebbe interessare