Lezioni milanesi - Il nichilismo e la terra (2015-2016)

Lezioni milanesi - Il nichilismo e la terra (2015-2016)

La filosofia è l’accadimento decisivo nella storia dell’uomo. Ma è tanto decisivo quanto radicalmente alienato. In queste Lezioni milanesi Emanuele Severino va al fondo di tale alienazione, ripercorrendo le tappe essenziali della storia filosofica. La filosofia crede che il diventare altro degli essenti appaia e sia evidentemente il loro modo di essere fondamentale. Ma così, rileva Severino, essa pensa che l’ente sia niente. Il tratto essenziale di tale “nichilismo” è la sua inconsapevolezza: si identifica l’ente al niente proprio nell’atto in cui si crede di affermarne l’essere. La formulazione aristotelica del principio di identità-non contraddizione ne è l’esempio principe: l’ente è quando è, non è quando non è. La riflessione di Severino non si limita a mostrare la contraddizione del contenuto del nichilismo, ma si rivolge anche alla sua forma logica: isolando il soggetto (“momento semantico non apofantico” in linguaggio aristotelico, operatio prima intellectus nel linguaggio di Tommaso) dal giudizio di identità (momento semantico apofantico in Aristotele, operatio secunda intellectus per Tommaso), il dire nichilistico consiste essenzialmente nella identificazione della cosa e del suo non essere sé stessa. Al termine di queste Lezioni Severino apre però uno scenario grandioso: l’uomo non è solo contraddizione, ma “essenzialmente più che uomo” in quanto Io del destino, cioè autoapparire dell’assoluta innegabilità-eternità dell’esser sé di ogni essente come tale.

Book details

About the author

Emanuele Severino

Emanuele Severino, tra i più rappresentativi filosofi contemporanei, insegna Filosofia Teoretica all’Università S. Raffaele di Milano.

You will also like

, and 1 more