La guerra che viene Crisi, nazionalismi, guerra e mutazioni dell’immaginario politico

La guerra che viene

Crisi, nazionalismi, guerra e mutazioni dell’immaginario politico

Nel corso dell’ultimo anno l’informazione mainstream e la narrazione politica istituzionale sembrano aver riscoperto il pericolo di un conflitto allargato su scala planetaria. Frutto di errori, problemi di governance oppure conseguenza della crisi economica e di promesse elettorali che non possono ancora essere mantenute, la spiegazione del conflitto è inscindibile da una struttura socio-economica che ha fatto della concorrenza più accanita e dello sfruttamento più spietato e virulento delle risorse umane e ambientali le uniche motivazioni reali della propria esistenza. Guerra che, nonostante le continue dichiarazioni di fedeltà ai trattati, non vede ancora delinearsi degli schieramenti precisi e che non vedrà in gioco soltanto blocchi militari e politico-economici facilmente riconoscibili (Russia, Stati Uniti, Cina, Europa), ma che proprio tra le pieghe delle alleanze e le contraddizioni con e tra le nuove potenze emergenti, quali Arabia Saudita, Turchia, Iran e Israele, avrà uno dei suoi principali motori.

Book details

About the author

Sandro Moiso

Sandro Moiso è docente di Storia e Letteratura negli istituti statali di istruzione superiore oltre che polemologo, studioso e autore di testi riguardanti la musica, la cultura e la storia americana. Ha scritto per “L’Indice” e fa parte del collettivo redazionale di “Carmillaonline”. Nel 2018 ha festeggiato il cinquantesimo anniversario di una militanza radicale iniziata all’età di quindici anni, un po’ per scelta e un po’ per caso. Per Mimesis è stato coautore di Immaginari alterati (2018).

You will also like