L'abitudine

L'abitudine

Che cos’è l’abitudine? E quali sono i suoi ambiti di applicazione? Quando, nel suo articolo De l’habitude del 1876, Léon Dumont offre una risposta a simili quesiti, è ben consapevole della portata innovativa delle sue soluzioni. Se infatti, come egli afferma, l’abitudine è un “fatto universale”, la sua azione non può essere circoscritta – com’era stato fatto sino a quel momento – alla sola sfera del vivente, ma deve essere ricercata anche nelle proprietà della materia inorganica. Così come l’uomo è in grado di acquisire determinate abitudini di movimento, allo stesso modo un abito, se indossato a lungo, si adatta alla forma del corpo; la serratura scatta con maggiore prontezza dopo esser stata utilizzata più volte; e lo strumento musicale acquista armoniosità se suonato per molto tempo dalle sapienti mani del musicista. Prendendo avvio dalle precedenti riflessioni francesi sull’abitudine, e con uno sguardo attento all’empirismo inglese, all’evoluzionismo darwiniano e alle coeve acquisizioni della scienza neurologica, Dumont fornisce una descrizione dell’abitudine che non mancherà di esercitare una profonda fascinazione sui suoi contemporanei.

Book details

About the author

Léon Dumont

Léon Dumont (1837-1877) è stato un filosofo e psicologo francese, celebre soprattutto per i suoi testi di argomento estetico (Des causes du rire, 1862; La théorie de la sensibilité, 1876) e per lo scritto sull’abitudine (De l’habitude, 1876). Pur non ricoprendo mai ruoli universitari, Dumont favorì con la sua attività saggistica l’introduzione in Francia di varie teorizzazioni provenienti dal mondo tedesco e anglosassone, e anticipò alcune centrali intuizioni della successiva psicologia scientifica francese. La sua opera ha saputo catturare l’attenzione di celebri pensatori come William James, Henri Bergson, Friedrich Nietzsche e Luigi Pirandello.

You will also like