Il “foglio in rossetto e bistro” “Corrente” tra fascismo e antifascismo politica letteratura arte

Il “foglio in rossetto e bistro”

“Corrente” tra fascismo e antifascismo politica letteratura arte

Questo volume, frutto di un lungo e accurato lavoro di ricerca di Katia Colombo, ricostruisce le vicende di “Corrente”, la rivista fondata nel 1938 a Milano dal giovane Ernesto Treccani. La rivista, a cui collaborarono intellettuali, letterati, poeti, architetti e artisti di varia estrazione culturale, divenne rapidamente il punto di raccolta e di espressione di giovani e meno giovani (Raffaele De Grada, Giansiro Ferrata, Luciano Anceschi, Enzo Paci, Renato Birolli, Carlo Bo, Mario Luzi, Piero Bigongiari, oltre allo stesso Treccani, e a molti altri) destinati, a guerra terminata e soprattutto nel corso dei primi due decenni del dopoguerra, ad animare la “battaglia delle idee”. Dalla puntuale ricostruzione di Katia Colombo emerge la ricchezza di posizioni dell’ambiente che si muoveva attorno a una rivista nei cui fascicoli si discuteva di letteratura e poesia, filosofia (con particolare riferimento ad Antonio Banfi e alla sua scuola), architettura, cinema, teatro, arti e che nella sua breve vita (verrà soppressa nel maggio del 1940) si era imposta come un punto di riferimento, a volte polemico, del dibattito culturale italiano, espressione di una crescente disaffezione verso il regime.

Book details

About the author

Katia Colombo

Katia Colombo (1951-2017) ha insegnato storia e filosofia in diversi licei e ha collaborato all’attività di ricerca della Fondazione ISEC. È stata redattrice di “Storia in Lombardia” ed è stata autrice di studi relativi al rapporto tra fascismo e cultura, alla storia della scuola e della pedagogia, editi in pubblicazioni e riviste specializzate quali gli “Annali” della Fondazione Istituto per la storia dell’età contemporanea (ora ISEC), “Italia contemporanea”, “Scuola & città”, “Scuola materna per l’educazione dell’infanzia”, “I viaggi di Erodoto”. Ha pubblicato La pedagogia filosofica di Giovanni Gentile (Milano 2004) e, con Davide Assael, Milano fascista, Milano antifascista (Milano 2007).

You will also like