Enrico Filippini a trent’anni dalla morte Scrittura, giornalismo, politica culturale nell’Italia del secondo Novecento

Enrico Filippini a trent’anni dalla morte

Scrittura, giornalismo, politica culturale nell’Italia del secondo Novecento

Un’indagine a tutto campo sul lavoro culturale di Enrico Filippini (Cevio 1932 - Roma 1988), sullo sfondo di anni decisivi (1950-1990) per l’apertura dell’Italia a un orizzonte internazionale. I dodici contributi esplorano gli esordi di Filippini in Ticino; l’incontro a Milano con Antonio Banfi, Enzo Paci e la fenomenologia; il lavoro nell’editoria; la sua importante mediazione tra la cultura mitteleuropea e quella italiana, attraverso la traduzione di Husserl, Benjamin, Binswanger. Meno noti, e qui per la prima volta approfonditi, i rapporti con la Francia, la Spagna e l’America latina. Documenti e testimonianze inedite chiariscono l’attività letteraria di Filippini e il ruolo d’intermediario che ebbe tra l’editoria e la Neoavanguardia, importante per la fondazione del Gruppo 63. Emergono inoltre nuovi elementi sulla produzione giornalistica di Filippini a “la Repubblica”, articoli che, come pochi altri, hanno saputo raccontare la “cultura della crisi” e il “moderno”.

Book details

About the author

Massimo Danzi

Massimo Danzi insegna Letteratura italiana all’Università di Ginevra. Si occupa soprattutto di tardo Medioevo e Rinascimento (Petrarca, Alberti, Bembo e la tradizione lirica), a volte in una prospettiva di storia delle idee e delle pratiche sociali (storia della famiglia in Antico Regime, delle biblioteche e della letteratura termale). Condirige la rivista di studi rinascimentali «Italique», è presidente della “Fondation Barbier-Mueller pour l’Étude de la poésie italienne de la Renaissance” di Ginevra.

Marino Fuchs

Marino Fuchs è borsista del Fondo nazionale svizzero e svolge attività di ricerca presso il Centro Studi Franco Fortini dell’Università di Siena. Ha pubblicato Enrico Filippini editore e scrittore (2018).

You will also like