Che fine ha fatto lo stato-nazione?

Che fine ha fatto lo stato-nazione?

Da quando i confini tra gli stati sono diventati molto più fluidi, lo stato stesso ha cambiato fisionomia, acquisendo connotati più mobili, più plurali, più aperti. Le migrazioni dei popoli, gli spostamenti dei singoli, i cambiamenti culturali, economici e militari lo hanno reso un luogo più “provvisorio” e i suoi abitanti possono a maggior ragione definirsi “senza stato”. In questa brillante e illuminante conversazione, due delle voci critiche più note d’America, tra le più influenti degli ultimi anni, si confrontano sulle teorie dello stato che i filosofi hanno elaborato, a partire dall’Illuminismo fino ai nostri giorni, su chi eserciti il potere nel mondo attuale, sui nostri diritti, su cosa sia e cosa possa diventare lo stato-nazione in epoca di globalizzazione, su cosa significhi, oggi, essere senza stato.

Book details

  • Publisher

  • Original text

    Yes
  • Language

    Italian
  • Publication date

  • Collection

About the author

Judith Butler

Judith Butler insegna Retorica e Letteratura comparata all’Università della California, Berkeley. È la più discussa filosofa femminista statunitense per le sue riflessioni sul potere, sulla sessualità e sull’identità. Tra le sue opere più importanti: Subjects of Desire (1987), Scambi di genere (1990), Corpi che contano (1993), The Psychic Life of Power (1997), Excitable Speech (1997), La rivendicazione di Antigone (2000).

Gayatri Chakravorty Spivak

Gayatri Chakravorty Spivak è tra le massime esponenti degli studi post-coloniali. Nel catalogo Meltemi sono disponibili: Morte di una disciplina (2003) e Critica della ragione postcoloniale (2004).

You will also like