La commedia umana del lavoro Dal taylorismo al management neoliberale

La commedia umana del lavoro

Dal taylorismo al management neoliberale

Per l’ideologia oggi in voga la disumanità del lavoro taylorista e fordista ha semplicemente smesso di esistere. Non c’è posto per lavoratori alienati e sfruttati, per un lavoro devastante, senza senso né anima, nella grande narrazione del neoliberismo. Qui dominano soltanto il benessere psicofisico, la partecipazione emotiva ed etica, l’espressione e la conquista di sé, insomma l’autonomia e la felicità di chi produce e consuma. Il libro di Danièle Linhart smaschera questa maniera apparentemente più umana di far lavorare i propri dipendenti. Perché si tratta di un dispositivo manageriale che, con mezzi e retoriche diversi, persegue ostinatamente gli stessi obiettivi del taylorismo e del fordismo: la sottomissione e l’assoggettamento. Attraverso la riduzione dei lavoratori non più a pezzi di un ingranaggio, ma a individui soli e vulnerabili, troppo e nient’altro che umani, incitati alla competizione, all’autosfruttamento e alla servitù volontaria. Una continuità d’intenti e ossessioni che le classiche letture del postfordismo spesso mancano di cogliere.

Détails du livre

À propos de l'auteur

Danièle Linhart

Danièle Linhart è sociologa, direttrice emerita del CNRS e membro del CRESPPA (UMR CNRS Université Paris 8 Vincennes-Saint Denis – Université Paris Ouest Nanterre – Université Paris Lumières). Tra le sue pubblicazioni più recenti: Travailler sans les autres? (2009), La modernisation des entreprises (20103) e L’insoutenable subordination des salariés (2021).

Vous aimerez aussi