Topologia del discorso letterario periferico

Topologia del discorso letterario periferico

“Perché fai ciò che fai? Perché scrivi in una lingua che pochi capiscono?”. La domanda dello scrittore basco Bernardo Atxaga ricorre nelle riflessioni e nei testi di autori diversi, accomunati dall’uso di una lingua periferica. L’osservazione comparata di queste esperienze diventa così un viaggio tra dialetti, lingue locali e minoritarie: voci, luoghi, parole lasciate ai margini del canone letterario. Un’esplorazione che, integrando discipline diverse (dalle neuroscienze alla semiotica, dalla geografia all’antropologia), traccia nuove mappe, dove la periferia, linguistica e letteraria, possa esistere al di fuori del rapporto totalizzante con il centro. In questo spazio relazionale, dove emerge la rete di relazioni che unisce chi vive e racconta il margine, si rende possibile l’incontro tra chi, come la scrittrice chicana Gloria Anzaldúa, è attraversato dalla frontiera, o chi, come Gëzim Hajdari, esule e migrante, la attraversa o chi, come Claude Vigée o Mariano Baino, la abita.

Book details

  • Publisher

  • Original text

    Yes
  • Language

    Italian
  • Publication date

  • Collection

About the author

Herbert Natta

Herbert Natta, dottore di ricerca in Studi comparati, ha pubblicato articoli sulla letteratura dialettale italiana e sulla letteratura digitale. Collabora con riviste di dialettologia (“Il 996”, “L’Escalina”) e letteratura comparata (“Testo e Senso”) e ha partecipato a progetti di ricerca, nazionali e internazionali, sull’analisi e mappatura dei dati culturali (“The hidden life of 32 monotowns”, “Univercity”, “Geoportal académico”).

You will also like