Scritture della catastrofe Istruzioni e ragguagli per un viaggio nelle distopie

Scritture della catastrofe

Istruzioni e ragguagli per un viaggio nelle distopie

Esiste un versante della letteratura fantastica particolarmente cupo e crudele, che immagina la possibilità di un mondo ancor peggiore di quello reale: disegnando il quadro senza speranza di società dominate da regimi violentemente oppressivi e totalmente alienanti oppure toccando l’estremo limite di un’umanità ridotta a pochi superstiti, in fuga da spaventose catastrofi. Questo genere, chiamato “distopia” in opposizione alle rosee prefigurazioni dell’utopia, è oggi frequentatissimo, sia nella letteratura sia nel cinema e nei fumetti. Si tratta insomma di un paesaggio inevitabile del nostro immaginario collettivo attuale, che evidentemente non riesce a pensare altro futuro che non sia la “fine del mondo”. Ma che significato ha la distopia? È un tentativo di indovinare come andranno veramente le cose? È un ammonimento per convincerci a cambiare rotta? È uno sberleffo alla faccia del genere umano che piange lacrime di coccodrillo dopo aver inquinato e distrutto un intero pianeta? O è un modo, invece, per saturarci con le immagini “finte” del disastro, così da abituarci a sopportare l’orrore di quelle vere? Questo libro esplora approfonditamente il continente distopia, ne fa la storia e ne ipotizza le principali tipologie, cercando di applicare gli strumenti della critica letteraria e dell’analisi del testo alle rappresentazioni dell’incubo collettivo, siano esse scritture di spessore artistico o fiction di consumo.

Book details

  • Publisher

  • Original text

    Yes
  • Language

    Italian
  • Publication date

  • Collection

About the author

Francesco Muzzioli

Francesco Muzzioli, docente di Critica letteraria alla Sapienza Università di Roma, ha lavorato attorno alla letteratura riguardo sia alla discussione e al confronto delle posizioni teoriche e metodologiche, sia al riesame critico del Novecento letterario, privilegiando le punte di avanguardia e di sperimentalismo. Ha scritto numerosi libri di critica letteraria su autori novecenteschi. Con Meltemi ha pubblicato L’alternativa letteraria (2002), Le strategie del testo (2004) e Quelli a cui non piace (2008). Più di recente è intervenuto sul tema del rapporto politica-letteratura con Un colpo di pistola nel concerto (2016).

You will also like