Rappresentare la postmetropoli Percorsi visuali per gli studi urbani

Rappresentare la postmetropoli

Percorsi visuali per gli studi urbani

Con la teoria postmetropolitana si consolida una nuova consapevolezza dello spazio. La crescente complessità dei fenomeni urbani porta inevitabilmente a dover ripensare i linguaggi e i codici degli urbanisti. Nonostante la postmetropoli riconosca in Los Angeles la propria città di riferimento, il testo gioca con questa teoria e la spinge all’estremo, usando le concettualizzazioni del modello americano – in modo provocatorio e controfattuale – per meglio comprendere i fenomeni in atto in uno dei territori più marginali d’Italia. La Sicilia sud-orientale è un “territorio di eccezione”, in bilico tra pressioni agricole e rappresentazioni massmediatiche che ritraggono un’affascinante località barocca e incontaminata, lontana dalla realtà. Qui gli strumenti dell’urbanistica classica non riescono a dialogare con queste immagini molto forti, egemoniche e “selettive”, in grado d’indirizzare le azioni politiche e turistiche, a scapito delle vocazioni e delle necessità locali. Il testo condivide, quindi, la necessità di un visual turn anche per gli studi urbani e racconta come l’utilizzo degli strumenti visuali possa aiutare – come è già avvenuto per sociologi, antropologi e geografi – le discipline più tecniche a sviluppare una sensibilità particolare nel momento in cui ci si confronta con la vita urbana, in California come in Sicilia.

Book details

About the author

Giovanna Ceno

Giovanna Ceno, architetto e dottore di ricerca in Architettura, arti e pianificazione, si occupa di valorizzazione e attivazione locale, con particolare attenzione alla dimensione visuale e documentaristica. Ha pubblicato diversi articoli scientifici e partecipa a convegni nazionali e internazionali. È stata membro del gruppo di ricerca Film-Making and Screening dell’American Association of Geographers ed è co-responsabile del progetto “FilmGeographies”.

You will also like