Purificare la sorgente Male, conoscenza per connaturalità e pratica letteraria del romanzo in J. Maritain

Purificare la sorgente

Male, conoscenza per connaturalità e pratica letteraria del romanzo in J. Maritain

La tesi che questo studio intende dimostrare è che esiste una conoscenza del male distinta da quella discorsiva e concettuale ma a essa complementare. La conoscenza per connaturalità, così come descritta da Jacques Maritain, è lo strumento per mezzo del quale l’intelletto umano giunge a tale conoscenza. Le lettere tra il filosofo e gli amici romanzieri François Mauriac, Georges Bernanos e Julien Green mostrano come nelle opere dei tre scrittori la questione del male sia urgente e centrale. Attraverso le vicende narrate, insieme all’autore, il lettore fa esperienza del male che alberga nei personaggi o da essi generato nella finzione e, dunque, impara a riconoscere analogamente la presenza di questo male in sé stesso o al di fuori di sé. La conoscenza del male prodotta nel lettore è vera conoscenza, anche se non è di tipo concettuale. La teoria della conoscenza per connaturalità di Maritain identifica nell’intuizione creativa della connaturalità poetica gli strumenti che veicolano tale conoscenza.

Book details

About the author

Mauro Grosso

Mauro Grosso (1977) è prete della diocesi di Torino dal 2008. Si è laureato in Filosofia all’Università degli Studi di Torino nel 2002 con una tesi su Étienne Gilson e Jacques Maritain. È giornalista pubblicista e insegna Teologia filosofica alla Facoltà Teologica di Torino e Filosofia teoretica all’Istituto Superiore di Scienze Religiose di Torino. In Purificare la sorgente (2020) presenta la dissertazione per il suo Dottorato in Filosofia, conseguito nel 2019 alla Pontificia Università Gregoriana di Roma.

You will also like