Libertà di pensiero Giordano Bruno, John Stuart Mill e Paul K. Feyerabend

Libertà di pensiero

Giordano Bruno, John Stuart Mill e Paul K. Feyerabend

La libertà può essere effimera, ma non per questo meno splendente. A partire da questo assunto si sviluppa l’innovativo percorso proposto da Giulio Giorello in una raccolta di saggi ispirata da tre figure imprescindibili per il concetto di libertà: Giordano Bruno, John Stuart Mill e Paul K. Feyerabend. Epoche e visioni differenti, eppure molti sono i fili conduttori che collegano questi autori, primo tra tutti la necessità di esercitare la ragione e imbracciare le armi della critica. Sulla scia della rivoluzione cosmologica tracciata da Bruno, emerge l’esigenza di giudicare criticamente gli eventi, non accettando nessuna teoria come inconfutabile ed esercitando il dissenso, come suggerisce anche l’anarchico “epistemologico” Feyerabend. Ed è proprio con Feyerabend che si realizza quel rovesciamento di prospettiva che si interroga se la scienza non sia diventata strumento di dominio e se la tecnologia non si sia trasformata nel sostegno più efficace alla burocrazia che invade le nostre esistenze mirando a una sorta di controllo totale.

Book details

About the author

Giulio Giorello

Giulio Giorello è docente di Filosofia della scienza all’Università degli Studi di Milano. Collabora alle pagine del “Corriere della Sera”. Tra le sue ultime pubblicazioni: L’etica del ribelle. Intervista su scienza e rivoluzione (2017), Libertà (2015), Il tradimento. In politica, in amore e non solo (2012), Noi che abbiamo l’animo libero. Quando Amleto incontra Cleopatra (con E. Boncinelli, 2014) e La filosofia di Topolino (con I. Cozzaglio, 2013).

You will also like