La scuola distrutta Trent’anni di svalutazione sistematica dell’educazione pubblica e del Paese

La scuola distrutta

Trent’anni di svalutazione sistematica dell’educazione pubblica e del Paese

Dalla “carta dei servizi” dell’industriale Lombardi (ministro nel 1995), con lo studente- cliente e le lettere anonime per valutare gli insegnanti, tutto è diventato “normale”. Normale, con Berlinguer, pareggiare lacune in matematica con “crediti” in educazione motoria, la Gelmini che s’inventa un “tunnel dei neutrini” dall’Aquila alla Svizzera e la Fedeli, diplomata con un titolo triennale. Legittimo valutare gli studenti con quiz che trasformano la battaglia di Azio nella “battaglia di Anzio” o che i genitori aggrediscano gli insegnanti senza venir denunciati. Che il Ministero neghi i dati sul burn out e contra legem non faccia prevenzione, mentre faccia valutare i docenti da presidi mai formati o valutati e vieti gli scioperi più che nelle unità coronariche. Giacché per l’istruzione investono meno di noi solo Slovacchia, Romania e Bulgaria, con l’80% degli istituti fuori-norma sulla sicurezza e l’obbligo più basso d’Europa, si punta sul liceo scientifico a quattro anni e senza il latino. Un terzo degli insegnanti di sostegno non è specializzato. Il codice deontologico dell’istruzione pubblica è stato scritto da un cardinale. S’impedisce solo ai sindacati di base il diritto di assemblea durante le elezioni per la rappresentatività e s’impone a tutti i pensionati l’iscrizione ai sindacati di partito. Una riforma chiamata “Buona Scuola” demansiona abilitati per latino e greco a far supplenze nelle primarie, e destina un professore di matematica dove ne serve uno di lettere. I docenti sono relegati nel pubblico impiego ove gli “aumenti” contrattuali non possono superare l’inflazione “programmata”, retribuiti al livello più basso della Ue e la metà dei coreani. Così è stata distrutta la scuola.

Book details

About the author

Stefano D’Errico

Stefano d’Errico, dall’86 nel sindacalismo di base, da segretario dell’Unicobas è decisivo (con i Cobas) nello sciopero che fa cadere il ministro Berlinguer (2000), come contro la Gelmini (2008) e la “Buona scuola” renziana (2015). Con Mimesis ha pubblicato nel 2011 Il socialismo libertario e umanista oggi fra politica ed antipolitica. Attualità della revisione berniana del pensiero anarchico e, nel 2007, Anarchismo e politica. Il “programma minimo” dei libertari del Terzo Millennio. Rilettura antologica e biografica di Camillo Berneri.

You will also like