La resistenza del silenzio Per una proposta politica e democratica

La resistenza del silenzio

Per una proposta politica e democratica

Parole e “cose” sembrano animarsi solo nei rispettivi universi, in un reciproco isolamento che estromette lo stesso individuo che le pratica. L’educazione civica è ormai una lingua antica. L’“altro” non è più un’abitudine della convivenza, cieca ormai al limite umano. Sempre più il pensiero critico è al margine perché poco si cerca l’autenticità e molto l’approvazione. Questo humus culturale prepara forme di totalitarismi sottili che penetrano nelle soggettività delle persone, le quali, ignare delle regole democratiche, sono rese consenzienti a svolte autoritarie. Solo la resistenza del silenzio può arginarle, recuperando la consapevolezza dell’esistere. È un silenzio a due dimensioni. Una, più personale, può incontrare anche la propria spiritualità, l’altra può essere un atto politico, muta denuncia di una condizione d’insopportabilità che nella storia ha molti testimoni (dalla devotio privata ugonotta del XVIII secolo alle “catene del silenzio” di Alessandria d’Egitto…).

Book details

About the author

Bruna Peyrot

Bruna Peyrot è studiosa delle memorie culturali e delle identità collettive in Europa e in America latina, con particolare attenzione ai percorsi di costruzione democratica, intesi anche come “cittadinanza interiore”. Per l’area europea ha approfondito gli studi sulla storia del protestantesimo, del mondo valdese e delle comunità alpine.

You will also like