La parola sospesa Il silenzio dell’afasia

La parola sospesa

Il silenzio dell’afasia

Il silenzio imposto dall’afasia ci obbliga a prendere coscienza della nostra vulnerabilità. In questa sofferta consapevolezza c’è un dono nascosto: la compiutezza che ognuno di noi cerca per sé. La parola sospesa dell’afasico rappresenta il tempo della possibilità, l’opportunità di rispondere alle richieste impensate e impensabili della vita. Chi è obbligato al silenzio sperimenta la resilienza, lo strenuo coraggio della ri-partenza, la passione per la propria originalità. La negatività, pur affrontata con umanissima furia, induce a superare le soglie, a entrare in uno spazio trasformativo. Sull’altro fronte, chi parla con l’afasico impara ad ascoltare, a valorizzare la sosta e la pazienza, a coltivare l’empatia: deve essere capace di aprire lo sguardo, accogliendo l’altro e scoprendone la preziosa alterità. Questo silenzio ospitale diventa allora uno spazio etico in cui far risuonare la reciproca libertà.

Book details

About the author

Maristella Bellosta

Maristella Bellosta vive a Milano, ha insegnato a lungo letteratura italiana e latina, ha scritto testi per la scuola e ha collaborato con varie case editrici. Tra le sue pubblicazioni, ricordiamo il romanzo storico Jeannette (2015) e il romanzo per ragazzi Le avventure di Pantagruele (2018). Con Mimesis ha pubblicato due romanzi sulla scuola: Eutopia (2013) e 2081 (2018), entrambi scritti con Gianni Vacchelli. Collabora con alcune riviste online, occupandosi soprattutto di educazione e autoeducazione.

You will also like