La costellazione dell’umano La sintesi antropologica di Arnold Gehlen

La costellazione dell’umano

La sintesi antropologica di Arnold Gehlen

Arnold Gehlen con la sua antropologia elementare ha portato il contributo più maturo e dotato di sottigliezza teoretica all’antropologia filosofica contemporanea. Soprattutto ha messo in luce una nuova immagine dell’uomo, ricercata attraverso un confronto costante con le scienze e, in special modo, con le discipline biologiche, psicologiche e sociali. Da queste analisi trae la conclusione che l’uomo è un “essere carente”, cioè non dotato di organi e funzioni “specializzati” tali da conformarlo subito e adeguatamente a un determinato ambiente naturale. La sua possibilità di adattamento e sopravvivenza, invece, è legata al fatto che, unico tra gli esseri naturali, è in grado di creare un proprio ambiente socio-culturale, un “mondo artificiale” nel quale vivere e prosperare. L’elaborazione di una “sfera culturale”, che si presenta come una “seconda natura” autonomamente sviluppata per mezzo dell’azione, costituisce la caratteristica peculiare dell’essere umano.

Book details

  • Publisher

  • Original text

    Yes
  • Language

    Italian
  • Publication date

  • Collection

About the author

Maria Teresa Pansera

Maria Teresa Pansera è professoressa di Filosofia morale nel Dipartimento di Filosofia, Comunicazione e Spettacolo dell’Università di Roma Tre. Le sue ricerche riguardano temi di antropologia filosofica e di etica contemporanea. È autrice di numerosi articoli e saggi, tra cui i volumi: L’uomo progetto della natura (1990); L’uomo e i sentieri della tecnica (1998); Antropologia filosofica (2001); Tecnica (2013); La peculiarità dell’umano (2019). Ha curato l’edizione italiana delle seguenti opere: L’uomo nell’era della tecnica (2003) di Arnold Gehlen; La posizione dell’uomo nel cosmo (20063) e Pudore e sentimento del pudore (2012) di Max Scheler; Per un’etica della responsabilità (2017) di Hannah Arendt.

You will also like

New

, and 1 more