L’animale e la repubblica 1789-1802, alle origini dei diritti delle bestie

L’animale e la repubblica

1789-1802, alle origini dei diritti delle bestie

Nel 1802, tredici anni dopo la proclamazione dei Diritti dell’Uomo e del Cittadino, l’Institut National de Paris lanciava un concorso sul tema: “Fino a che punto il trattamento barbaro inflitto agli animali è oggetto di morale pubblica? E, converrà fare leggi in questo senso?”. Il concorso si rivelò un successo senza precedenti sia per il numero di partecipanti (28) sia per la varietà delle voci coinvolte. Tuttavia, nel 1804, la giuria decretò che nessuno dei testi pervenuti fosse degno del premio. I contenuti di quelle dissertazioni sono la base di questo libro. Un succedersi di riflessioni che rivelano, in primo luogo, quanto le tensioni politiche del momento – la re-istituzione della schiavitù e l’ascesa al potere di Bonaparte – influissero sulle proposte suggerite, tutte ben inserite nell’acceso dibattito intorno al modello di società da prospettare e applicare. Ma non solo. In secondo luogo ripercorrendo i ragionamenti che animarono tale dibattito, il libro ha la capacità di accompagnare il lettore verso questioni dell’attualità più stringente, inserendosi così in un’ampia disputa che coinvolge diversi campi del sapere e dell’opinare: dalla sociologia alla storia e alla filosofia, dal diritto all’etica, dalle scienze naturali alla zoologia. Quelle considerazioni sulla legge e sulla sensibilità degli animali portano alla luce la consapevolezza dell’importanza che l’uomo già attribuiva all’ambiente, elaborando così una lucida anticipazione delle preoccupazioni e inquietudini dell’uomo contemporaneo. Una questione posta duecento anni fa, e divenuta la sfida del XXI secolo di fronte all’emergenza ecologica. Un’occasione dunque da non perdere e colta dal corso di studio in Storia e storie del mondo contemporaneo dell’Università degli Studi dell’Insubria di Varese, promotore della presente edizione e traduzione

Book details

About the author

Pierre Serna

Pierre Serna (Castres 1963), titolare della cattedra di Storia della Rivoluzione francese all’Università di Parigi I, Panthéon-Sorbonne, è vice-presidente della Commission Internationale d’Histoire de la Révolution Française e membro dell’Institut d’histoire de la Révolution française. Tra i suoi lavori: La République des girouettes: 1789-1815 (Seyssel 2005), Fratelli di Francia. Storia e storiografia di una rivoluzione divenuta repubblicana 1792-1804 (Milano 2013), Antonelle, noble révolutionnaire (Arles 2017) e Comme des bêtes. Histoire politique de l’animal en Revolution 1750-1840 (Paris 2017).

You will also like