Kubrick e Caravaggio, sabotatori del reale

Kubrick e Caravaggio, sabotatori del reale

Durante le riprese di Shining Kubrick confidò a Jack Nicholson: “in un film non si cerca di fotografare la realtà, si cerca di fotografare la fotografia della realtà”. Le sue parole in maniera apparentemente inspiegabile richiamano l’opera di Caravaggio. Questo saggio è un tentativo di scalfire la superficie del visibile, del consueto, del rassicurante, puntando in profondità ad analizzare le sovrapposizioni della poetica di due geni assoluti dell’arte solo a prima vista distanti, ma che si incontrano sul terreno della ricerca della verità e del suo rapporto con il reale. Un viaggio avvincente in cui la struttura stessa si fa contenuto. Il testo infatti si configura come un monolite, accoglie al suo interno una costellazione di rimandi, dei veri e propri varchi, che ci conducono in direzioni inaspettate, parallele, sorprendenti, in grado di amplificare la nostra esperienza.

Book details

  • Publisher

  • Original text

    Yes
  • Language

    Italian
  • Publication date

  • Page count

    152
  • Collection

About the author

Francesco Fiotti

Francesco Fiotti (1974) diplomato al Conservatorio nel 2001 si laurea l’anno successivo in architettura orientando la sua ricerca alle relazioni tra spazio e suono. Suoi lavori sono apparsi in diverse riviste. È autore di Multiverses, parcours possible entre espaces et sons uscito in tre lingue per la collana de Le Carré Bleu, e di Ovunque, suo primo album. Ha collaborato con lo studio Pica Ciamarra Associati. Come architetto e designer ha preso parte a diversi concorsi internazionali ricevendo prestigiosi riconoscimenti.

You will also like