Il giudaismo nella musica

Il giudaismo nella musica

Richard Wagner è riconosciuto come uno dei più importanti musicisti di ogni epoca; per molti è il più grande compositore romantico, per Nietzsche il massimo esempio dello spirito dionisiaco nella storia della musica stessa. Non tutti sanno, però, che Wagner fu un convinto antisemita; precursore e propugnatore delle tesi razziste che, proprio negli anni in cui scriveva questo pamphlet, stavano cominciando a depositarsi nella coscienza collettiva del popolo tedesco. Tesi forti, basate sull’ideologia del pangermanismo e della superiorità della razza ariana; tesi che confluiranno nell’antisemitismo nazista. Dopo lo scandalo dei Quaderni neri di Heidegger, questo manifesto dell’antisemitismo wagneriano, poco conosciuto e praticamente introvabile, consente di fare un ulteriore passo avanti nella comprensione delle origini di un male che ha attraversato dall’interno i gangli vitali della cultura europea.

Book details

  • Publisher

  • Original text

    Yes
  • Language

    Italian
  • Original language

    German
  • Publication date

About the author

Richard Wagner

Richard Wagner (1813-1883) fu compositore, poeta, librettista, regista teatrale, direttore d’orchestra e saggista tedesco. È riconosciuto come uno dei più importanti musicisti di ogni epoca, nonché massimo esponente del romanticismo musicale. Tra le sue composizioni più importanti, non si possono non citare L’olandese volante, L’anello del Nibelungo, Tristano e Isotta, Parsifal e l’Idillio di Sigfrido. Fu anche un prolifico saggista; tra i suoi testi più famosi: L’arte e la rivoluzione (1849); L’opera d’arte dell’avvenire (1849); Opera e dramma (1851).

You will also like