I senza patria La solitudine degli italiani in un mondo di nazioni

I senza patria

La solitudine degli italiani in un mondo di nazioni

Gli stati nazionali tornano a mostrare la loro importanza, ma l’Italia, unico tra i grandi paesi occidentali, rifiuta di agire come nazione fra le altre e delega tutto all’Unione europea. Secondo Mimmo Porcaro questa perniciosa snazionalizzazione del paese non è dovuta solo ai pur gravi “errori” di ordine economico di cui è intessuta l’Unione monetaria. Essa nasce da una scelta di politica estera, a sua volta dettata dalla politica interna: i nostri gruppi dirigenti hanno trovato nella subalternità all’Unione europea il modo per imporre ai lavoratori italiani quell’obbedienza che non riuscivano a imporre altrimenti. Per liberarsi dai soffocanti vincoli europei è quindi necessaria una politica estera opposta, che costruisca lo spazio cooperativo in cui perseguire un interesse nazionale definito a partire dai bisogni delle classi subalterne. Ciò indica come la nazione non sia il monopolio della destra (che la esalta a parole, ma prepara nuove dipendenze), bensì la chiave di una rinnovata strategia socialista.

Book details

About the author

Mimmo Porcaro

Mimmo Porcaro (Napoli, 1953) è autore di numerosi scritti, tradotti in diversi paesi, sui problemi teorici e pratici dei partiti politici e dei movimenti sociali, e in particolare sulle forme della lotta al capitalismo odierno. Un suo saggio sulle prospettive attuali del socialismo, Tendenzen des Sozialismus im 21. Jahrhundert, è stato pubblicato in Germania nel 2015 a cura della Fondazione Rosa Luxemburg.

You will also like