Gli abusi della memoria

Gli abusi della memoria

Dalla fine del Novecento a oggi, gli europei appaiono ossessionati dal culto della memoria. Ci si sforza perché non venga mai meno il ricordo. Ma che senso ha il suo uso senza uno spirito critico e una rielaborazione che ci consenta di individuare le sempre nuove forme di razzismo, di xenofobia e di esclusione? Risponde il grande storico, antropologo e saggista Todorov in questo scritto provocatorio, che è soprattutto testimonianza morale. Il ricordo è una mera celebrazione, solo un conteggio e una spartizione delle vittime, oppure l’autentica comprensione e l’impegno per non commettere altri errori?

Book details

  • Publisher

  • Original text

    Yes
  • Language

    Italian
  • Publication date

  • Collection

About the author

Tzvetan Todorov

Tzvetan Todorov, nato a Sofia nel 1939, si trasferisce nel 1963 a Parigi dove studia filosofia del linguaggio con Roland Barthes. Ha insegnato all’École Pratique des Hautes Études e alla Yale University ed è stato direttore del Centre de Recherche sur les Arts et le Langage di Parigi. Della sua ricca produzione ricordiamo La bellezza salverà il mondo. Wilde, Rilke, Cvetaeva (2010), Resistenti. Storie di donne e uomini che hanno lottato per la giustizia (2016), L’arte nella tempesta. L’avventura di poeti, scrittori e pittori nella rivoluzione russa (2017).

You will also like