Fate finta che io sia il diavolo

Fate finta che io sia il diavolo

In una scuola di un piccolo paese del Salento si presenta in qualità di insegnante il diavolo in persona. Portatore di sapere e corruzione, il professor Malennio giunge con il preciso intento di soggiogare Faustino, l’alunno più brillante della scuola. Le vicende di quell’anno scolastico sono documentate da una serie di componimenti svolti in classe, raccolti secondo un piano espositivo che descrive un duello senza risparmio di colpi e dall’esito imprevedibile fra il Signore delle Tenebre e un gruppo di ragazzini tutt’altro che ingenui. Su quelle pagine sfilano gli intrighi alla corte di don Ferrando d’Aragona e le peripezie di un musulmano con le stigmate, la minaccia del terrorismo islamico e un culto insolito della Vergine. Un apologo sul male e sul potere espiatorio del silenzio.

Book details

About the author

Alessandro Macchia

Alessandro Macchia storico della musica, drammaturgo e insegnante di materie letterarie nella scuola secondaria di primo grado. Ha scritto i drammi teatrali L’egloga proibita (2016) e Condominio (2017). In qualità di saggista ha orientato i suoi studi attorno alla musica dell’Ottocento e del Novecento. È autore di Tombeaux. Epicedi per le Grandi Guerre (2005) e della prima monografia italiana sul compositore inglese Benjamin Britten (2013). Collabora con Rai Radio 3 in veste di conduttore del programma WikiMusic. Come musicologo affianca i principali enti concertistici italiani. Scrive per la rivista digitale Q CODE Magazine.

You will also like