Estetica postumanista

Estetica postumanista

Read excerpt Download excerpt
La tradizione umanista ha mantenuto e consolidato alcune coordinate paradigmatiche di giudizio ben riconoscibili tanto da farci parlare di un canone umanista basato su un preciso orientamento di preferenza sulla rappresentazione del corpo umano. Questo canone esprime inevitabilmente una conseguente definizione estetica della cultura, vista come habitat preferenziale del retaggio prometeico, considerandola al tempo stesso emanazione autarchica dell’ingegno umano, e principio disgiuntivo dell’essere umano da ogni residuo di animalità. La techne assume una configurazione strumentale rispetto alle finalità umane e allo stesso modo l’animalità non è più una dimensione condivisa, ma assume la forma di controlateralità rendendo l’uomo “il non-animale”. Questo saggio vuole indagare questa trasformazione, definita con il termine di postumanismo, al fine di mettere in risalto le differenze di orientamento e di sensibilità, ma soprattutto di tracciare una sorta di mappa concettuale circa gli slittamenti che tale metamorfosi estetica sta avendo nel modo corrente di leggere il corpo, l’animalità, la natura e infine la tecnologia, in una concezione della condizione umana che testimonia un’innegabile rivoluzione nei predicati di riconoscibilità e di proiezione.

Book details

  • Publisher

  • Original text

    Yes
  • Language

    Italian
  • Publication date

  • Collection

About the author

Roberto Marchesini

Roberto Marchesini etologo, filosofo e zooantropologo, insegna in diversi atenei e tiene conferenze in tutto il mondo sulla relazione tra essere umano, animale e tecnologia. Ha all’attivo più di un centinaio di pubblicazioni tra volumi e articoli nei campi della filosofia postumanista, di cui è stato tra i primi teorizzatori in Italia, della bioetica e dell’etologia. Dirige il Centro Studi Filosofia Postumanista con sede a Bologna e la rivista “Animal Studies”. I suoi lavori sono tradotti in numerose lingue.

You will also like