Dialogo della salute e altri scritti sul senso dell'esistenza

Dialogo della salute e altri scritti sul senso dell'esistenza

Carlo Michelstaedter scrisse il Dialogo della salute nel 1910, mentre lavorava alla stesura della tesi di laurea, e lo concluse il 7 ottobre. Dieci giorni dopo si sarebbe tolta la vita. Cosa può significare riflettere, dialogando socraticamente, sulla salute trovandosi nel contempo in prossimità di una morte volontaria? Non si creda che Michelstaedter, nelle sue pagine, irrida il nostro «stato mortale», come sembra fare il custode del cimitero nella pagina che apre il Dialogo. Piuttosto egli c’invita a essere pienamente noi stessi ritrovando la verità profonda della nostra esistenza: chi ha la «salute» può guardare in faccia persino la morte, la quale «di fronte a lui è senz’armi». Perché l’oscurità, per lui, «si fende in una scia luminosa», ed egli «sa godere la luce del sole».

Book details

  • Publisher

  • Original text

    Yes
  • Language

    Italian
  • Original language

    Italian
  • Publication date

About the author

Carlo Michelstaedter

Carlo Michelstaedter nacque a Gorizia il 3 giugno 1887. Conclusi nel 1905 gli studi presso lo Staatsgymnasium della città natale, si iscrisse alla facoltà di Matematica a Vienna, decidendo poi di frequentare l’Istituto di Studi Superiori di Firenze. Nelle sue opere e nella vitalità dei suoi gesti si espressero un’intelligenza e una sensibilità fuori dall’ordinario e una tensione inesauribile verso la Persuasione. Nel primo pomeriggio del 17 ottobre 1910, conclusa la stesura della tesi di laurea, Michelstaedter si tolse la vita con un colpo di rivoltella.

You will also like