Che cosa significa orientarsi nel pensiero?

Che cosa significa orientarsi nel pensiero?

Nell'ottobre del 1786, Kant si risolse a prendere posizione nella disputa circa il presunto spinozismo di Lessing, accesasi tra il campione dell'illuminismo berlinese Moses Mendelssohn e il fideista Friedrich Jacobi, autore delle celebri Lettere sulla dottrina di Spinoza. Lo fece con il breve scritto "Che cosa significa orientarsi nel pensiero?". La domanda alla quale Kant cerca di rispondere riguarda come si possa orientare il pensiero nelle questioni di confine che oltrepassano sia il piano logico-formale della razionalità sia quello trascendentale del suo rapporto a priori con la forma dell'esperienza. A partire, anzitutto, dalla questione relativa alla conoscibilità di Dio: alla pensabilità del suo concetto e alla dimostrazione razionale della sua esistenza. Il carattere esemplare del saggio kantiano sta nel modo in cui affronta questo nodo fino a convertire la domanda metafisica per eccellenza nel problema dell'orientamento in filosofia. Così il saggio assume un valore paradigmatico sia per la filosofia kantiana, per il suo carattere intimamente critico, sia per il pensare filosofico in generale.

Book details

  • Publisher

  • Original text

    Yes
  • Language

    Italian
  • Original language

    German
  • Publication date

About the author

Immanuel Kant

Immanuel Kant (22 aprile 1724 Königsberg - 27 febbraio 1804 Königsberg) è stato il maggiore filosofo dell’illuminismo tedesco e di tutto il pensiero moderno. Di recente edizione Mimesis Prima introduzione alla Critica del Giudizio (Milano 2012) .

You will also like