Uno spettro si aggira per il continente dell’“Uomo” – lo spettro dell’animalità. Il presente volume prova ad articolare le premesse per visioni e prassi atte ad arrestare la caccia spietata a cui questo spettro è sottoposto, mettendo in primo piano l’urgenza di decostruire le categorie della nostra tradizione politica a seguito dell’affacciarsi sulla scena sociale di una “nuova” moltitudine sterminata, ormai da considerarsi parte integrante del proletariato.

Book details

About the author

Massimo Filippi

Massimo Filippi professore ordinario di Neurologia presso l’Università “Vita e Salute” di Milano, si occupa da anni della questione animale da un punto di vista filosofico e politico. Tra i suoi ultimi saggi (da solo o in collaborazione), Crimini in tempo di pace. La questione animale e l’ideologia del dominio (2013), L’invenzione della specie. Sovvertire la norma, divenire mostri (2016), Questioni di specie (2017) e Genocidi animali (2018). Tra gli altri, ha curato La sofferenza è animale di Jean-Luc Nancy (2019).

Michael Hardt

Michael Hardt, professore di Letteratura e Italianistica alla Duke University e professore di Filosofia e Politica alla European Graduate School, è uno dei massimi filosofi contemporanei. Tra gli altri, ha pubblicato, con Antonio Negri, Impero. Il nuovo ordine della globalizzazione (2002), Moltitudine. Guerra e democrazia nel nuovo ordine imperiale (2004) e Comune. Oltre il privato e il pubblico (2010). Impero è stato definito il Manifesto comunista del ventunesimo secolo.

Marco Maurizi

Marco Maurizi, dottorato in Filosofia, si occupa di teoria critica con particolare attenzione al rapporto tra natura e storia. Ha pubblicato Adorno e il tempo del non identico (2004), La nostalgia del totalmente non altro. Cusano e la genesi della modernità (2008), Al di là della natura. Gli animali, il capitale, la libertà (2011), L’io sospeso. L’immaginario tra psicoanalisi e sociologia (2012) e Chimere e passaggi. Cinque attraversamenti del pensiero di Adorno (Mimesis 2015).

You will also like